179321361

Investimento a impatto in pratica: Colmare il divario digitale

Tara Stilwell, Head of Consultant Relations
Campe Goodman, CFA, Fixed Income Portfolio Manager
2022-12-31
Archiviato info
I contenuti archiviati rimangono disponibili sul sito. Si invita a considerare la data di pubblicazione mentre si leggono i contenuti precendenti.

Le opinioni espresse sono quelle degli autori alla data di redazione. I singoli team di gestione possono esprimere opinioni differenti e prendere decisioni di investimento diverse. Il valore finale dell’investimento potrà essere superiore o inferiore a quello dell’investimento iniziale. Sebbene i dati di terzi utilizzati nel presente documento siano considerati affidabili, la loro accuratezza non è garantita.

L’investimento a impatto si consolida: gli investitori sono infatti sempre più attratti dal suo potenziale di sostenere gli individui e il pianeta, pur generando al contempo risultati interessanti. Ma come funziona in pratica? Il nostro investimento in una società di comunicazione wireless in Africa illustra il modo in cui cerchiamo di generare un impatto all’interno del nostro tema del divario digitale.

11 temi a impatto

I mercati pubblici offrono una gamma di opportunità a impatto in rapida ascesa, che abbraccia settori, industrie e capitalizzazioni di mercato. Wellington si concentra su 11 temi a impatto, suddivisi in tre categorie:

  • bisogni essenziali: acqua pulita, salute, alloggi a prezzi accessibili, agricoltura sostenibile e sicurezza alimentare;
  • sviluppo umano: istruzione e formazione professionale, divario digitale, inclusione finanziaria e sicurezza e protezione;
  • ambiente: energie alternative, efficienza delle risorse e uso responsabile delle risorse.

Ciascun tema a impatto offre una serie di storie a impatto potenzialmente allettanti.

L’individuazione di potenziali investimenti a impatto

Gli investimenti a impatto devono essere materiali, aggiuntivi e misurabili: ovvero, la maggior parte dei prodotti, servizi o progetti di un’azienda o di un emittente deve allinearsi con uno o più dei nostri temi d’impatto (materiali); l’offerta principale deve rispondere a un bisogno che difficilmente può essere soddisfatto da altre entità o tecnologie (aggiuntivi); infine dobbiamo essere in grado di quantificare l’impatto che l’azienda o l’emittente sta ottenendo sulla base di una tesi di impatto rilevante o “teoria del cambiamento” (misurabili).

Ciascun potenziale investimento deve anche offrire la prospettiva di rendimenti finanziari competitivi. Conduciamo una ricerca olistica su una società o un emittente e sul settore di appartenenza, analizzando i fondamentali finanziari, il panorama competitivo e le questioni ambientali, sociali e di governance (ESG).

Ecco come quest’impresa aiuta a colmare il divario digitale

Colmare il divario digitale tra il mondo sviluppato e quello in via di sviluppo e tra le popolazioni ricche e povere tra i vari Paesi è uno dei nostri obiettivi di impatto e un mezzo chiave per ridurre la disuguaglianza. La pandemia di COVID-19 ha accelerato la transizione verso un’economia digitale e ha sottolineato come la mancanza di accesso a internet possa ostacolare l’inclusione sociale e lo sviluppo economico. Senza l’accesso a servizi digitali affidabili, molte persone e imprese già svantaggiate potrebbero rimanere ulteriormente indietro mentre ci muoviamo rapidamente verso un’economia e una società digitali.

Perché è importante colmare il divario digitale?

Accesso a internet
Paesi sviluppati: 86,6% rispetto a Paesi in via di sviluppo: 47%1

Utilizzo banda larga
Un aumento del 10% nell’adozione della banda larga mobile potrebbe essere correlato a un aumento del 2,8% del PIL.2

Cerchiamo quindi società o emittenti finanziariamente interessanti che possano contribuire a colmare questo divario attraverso i loro prodotti o servizi principali. Una di queste interessanti opportunità d’investimento si trova in Africa, dove la maggior parte dei paesi occupa gli ultimi posti sull’Inclusive Internet Index3 dell’Economist Intelligence Unit. Crediamo che l’infrastruttura digitale dell’azienda e i servizi di comunicazione wireless facilitino lo sviluppo sociale ed economico delle comunità poco servite in tutta l’Africa. Insieme a questa teoria dell’impatto del cambiamento, troviamo inoltre interessanti i fondamentali finanziari dell’azienda.

Per misurare e tracciare il progresso dell’impatto di questa società, abbiamo sviluppato degli indicatori di misurazione delle performance aziendali (i cosiddetti key performance indicators, KPI) in linea con il quadro delle cinque dimensioni dell’impatto dell’Impact Management Project4. Gli indicatori sono i seguenti:

  • cosa: qual è il risultato e quanto è significativo per le parti interessate? Quest’azienda contribuisce ad abbattere le barriere all’accesso a internet, un risultato di impatto significativo che si traduce in aumenti di produttività e aiuta a migliorare le vite attraverso l’accesso alla tecnologia digitale;
  • chi: chi sono i portatori di interesse che beneficiano del risultato? In questo caso, misuriamo il numero totale di clienti che ottengono l’accesso digitale (oltre 100 milioni), insieme al numero di clienti che beneficiano di una maggiore disponibilità di servizi finanziari (oltre 50 milioni), e il numero di Paesi raggiunti (più di 50);
  • quanto: qual è il livello di impatto di questi risultati? Qui ci concentriamo sul numero di abitazioni e aziende che ricevono la banda larga in fibra e il numero di dispositivi intelligenti connessi di conseguenza alle reti;
  • contributo: lo sforzo dell’azienda o del progetto ha determinato un risultato migliore di quello che si sarebbe verificato altrimenti? In questo esempio, abbiamo valutato la riduzione del prezzo per gigabyte nel più grande mercato del provider (più del 50%), oltre al risparmio aggregato maturato per i clienti (più di 180 milioni di dollari USA);
  • rischio: qual è il rischio che l’impatto sia diverso o inferiore alle aspettative? I principali rischi che abbiamo individuato sono un’inferiore priorità destinata dall’azienda ai clienti scarsamente serviti e un calo della qualità del servizio. Secondo la nostra analisi, entrambi i rischi sono poco probabili.

Aggiungiamo questi KPI a regolari valutazioni qualitative dell’impegno di un’azienda verso i suoi obiettivi di impatto. Cerchiamo di comprendere l’impatto olistico di un’azienda o di un emittente considerando qualsiasi esternalità negativa, come il danno ambientale, associato alle più ampie attività commerciali dell’azienda o dell’emittente, così come qualsiasi conseguenza negativa non intenzionale associata all’investimento specifico che supererebbe il suo impatto positivo, per esempio l’impatto di un nuovo impianto di riciclaggio sulle comunità locali. Per questa azienda, abbiamo individuato l’impatto ambientale della sua rete di siti e l’aumentata esposizione delle popolazioni vulnerabili alla criminalità informatica come le due principali esternalità negative. La nostra analisi ha stabilito che l’impatto è minimo, e l’azienda ha intrapreso azioni adeguate per la mitigazione di tale impatto. L’azienda ha anche mostrato la volontà di impegnarsi con noi per il raggiungimento di un’ulteriore mitigazione.

Allineamento con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite

Pur non gestendo i nostri portafogli a un livello stabilito di allineamento con gli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (SDGs), i nostri elevati standard di inclusione si traducono in una strategia di investimento che sostiene naturalmente molti degli SDG. Tutte le società e gli emittenti in cui investiamo offrono quelle che riteniamo essere soluzioni necessarie a molte delle principali sfide individuate negli SDG. Dal nostro punto di vista, la tesi di impatto per questa società si allinea con l’obiettivo di promozione dell’industria, dell’innovazione e delle infrastrutture (UN SDG9), e in particolare con il punto 9.C di quell’obiettivo, per “fornire l’accesso a Internet”.

Impegno attivo

Cerchiamo anche di assicurare la realizzazione della nostra teoria del cambiamento attraverso una responsabilità informata e attiva. In questo caso, il nostro impegno con l’azienda è incentrato sull’assicurare la divulgazione della segmentazione dei clienti, la loro soddisfazione e l’accessibilità. Il nostro coinvolgimento ci offre la convinzione dell’impegno dell’azienda ad aumentare la sua portata e ad ampliare i suoi orizzonti per le popolazioni rurali e altrimenti scarsamente servite in tutta l’Africa.

Per saperne di più sui nostri approcci di investimento a impatto ed esplorare altri casi di studio, visita il nostro sito dedicato.


1International Telecommunications Union, 2020. | 2Harald Edquist, et al., “Quanto contano le reti di banda larga mobile per lo sviluppo economico globale?”, Imperial College Business School, maggio 2017. | 3The Inclusive Internet Index 2021. Fonte: The Economist Intelligence Unit. | 4The Impact Management Project, impactprojetmanagement.com.

L’esempio è solo a scopo illustrativo e non va interpretato come una raccomandazione o un consiglio specifico sulla sicurezza. I dati dei KPI si basano sul reporting dell’emittente o della società, su dati indiretti e sull’analisi di Wellington. | Wellington determina gli obiettivi e i target a cui, a nostro avviso, si allineano tutte le società di portafoglio o emittenti. Il linguaggio per gli obiettivi e i target è stato abbreviato, ma non altrimenti alterato da UN.org. Wellington Management sostiene gli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. | Fonti: Wellington Management, UN.org. Alcuni dati forniti provengono da terze parti.

A cura di
Tara Stilwell
Tara Stilwell
Head of Consultant Relations
Boston
Campe Goodman
Campe Goodman, CFA
Fixed Income Portfolio Manager
Boston

Il nostro approccio agli investimenti a impatto

ARTICOLI SUGGERITI